VIVERE NORMALE

12° GIORNO

Il deserto quaresimale ci ha offerto un’oasi molto speciale: l’abbraccio di un papà! Un papà che ha lasciato libere le sue paure e i suoi sogni per tuffarsi in profondità in un Sogno ancora più grande….solo quando accettiamo di starci dentro le cose, anche le più difficili e contraddittorie, e ci mettiamo il cuore, la nostra parte più profonda, allora una strada si trova….e allora scopriamo che “l’impresa più speciale” è quella di “vivere normale come padri e figli coi propri sbagli”….perché i veri supereroi sono quelli che accolgono la loro parte più tenera, scoprendo quanta forza c’è nella propria debolezza! Quanto mi piace sta quaresima…

Piazzolla&Parrillo (a cura di)

Vivere Normale
Facchinetti

A volte sai penso alle cose
Alle salite più faticose
Avrei dovuto insistere
Non serve mai guardarsi indietro
II mondo è fuori da questo vetro
È in ogni uomo semplice
Basta un cuore che batte a 600 all’ora

MA L’IMPRESA PIÙ SPECIALE
È DI VIVERE NORMALE
COME PADRI E FIGLI
COI PROPRI SBAGLI
LA STORIA SIAMO NOI, TUTTI NOI

C’è un tempo per cambiare
Amare e poi soffrire
E lentamente crescere
Da soli
Lo sai che io non so aspettare
Ho troppi sogni da realizzare
Sarà perché assomiglio a te
Con un cuore che batte a 600 all’ora
E un milione di cose che tengo in gola

E L’IMPRESA PIÙ SPECIALE
È DI VIVERE NORMALE
COME PADRI E FIGLI
COI PROPRI SBAGLI
LA STORIA SIAMO NOI
NOI CHE CORRIAMO… POI CI PERDIAMO
NEI SOGNI SPESSO… CI RITROVIAMO
NOI CHE VIVIAMO… DI MUSICA
MA L’IMPRESA PIÙ SPECIALE È DI VIVERE
NORMALE…NORMALE…NORMALE…
COME PADRI E FIGLI
COI PROPRI SBAGLI
LA STORIA SIAMO NOI, TUTTI NOI

A volte sai penso alla vita
A questa incognita infinita
Di ogni uomo semplice.

https://youtu.be/HTYkDFAmGn